Nuova Opera-en

Giovanni Sadoleto Museo Lapidario
1517 calcare pellettifero (Veneto) inv. 7201

L’aspetto inusuale di questo splendido monumento si deve al fatto che la sua ubicazione di origine era il fianco meridionale del Duomo di Modena, con le cui membrature architettoniche era dunque in rapporto. Fu eretto per commemorare il giureconsulto modenese Giovanni Sadoleto, morto nel 1511 dopo aver servito alla corte ferrarese dei duchi Ercole I e Alfonso I d’Este, e sua moglie Francesca Machiavelli. Il figlio della coppia, il potente cardinale Jacopo Sadoleto, fece eseguire il sepolcro nel 1517 contando di utilizzarlo anche per le proprie spoglie, che invece riposano oggi nella chiesa di San Pietro in Vincoli a Roma. Al prestigio dell’impresa si deve la raffinata esecuzione degli elementi scultorei, un tempo diffusamente policromi: su tutti, i rilievi con la Madonna e il Bambino fra angeli inginocchiati di Cristoforo di Ambrogio Bregno Stoporone, maestro attivo da anni per la cattedrale modenese. Lo spostamento nel Museo Lapidario, avvenuto nell’anno della sua costituzione (1828), fu determinato anche dal cattivo stato dell’opera da secoli esposta alle intemperie.

Would you like to create your own Visit Path of the works of art? Discover how!
Close
No item found
  • image