Nuova Opera-en

bastianino
Bastianino (Sebastiano Filippi) Ferrara, 1532-1602 ca. Olio su tela, cm 227 x 156 inv. 168

La pala fu realizzata per l’altare della chiesa delle monache agostiniane intitolata a santa Lucia e giunse in Pinacoteca nel 1836. L’esecuzione dell’opera risale al 1582, lo stesso anno della consacrazione della chiesa. La tela è uno de primi esempi del mutamento della pittura di Bastianino dopo il 1580: lo sfumato, l’effetto di non finito con cui sono delineati i personaggi di questa Sacra Conversazione e l’atmosfera nebbiosa che li avvolge sono testimonianze dell’incontro dell’artista con i veneti Jacopo Bassano e Palma il Giovane. Il dissolvimento della materia cromatica derivato dagli ultimi dipinti di Tiziano si innesta su di un’impostazione ancora manierista, in questo caso riconducibile alla pala di SantaMargherita del Parmigianino in Pinacoteca Nazionale a Bologna. Se Bastianino riprende da quest’ultima alcuni motivi, la potenza dei corpi dell’opera di Ferrara mostra come egli guardi anche alla tradizione anticlassica di Dosso Dossi.

Would you like to create your own Visit Path of the works of art? Discover how!
Close
No item found
  • image