Soldato con calice

tournier2
Nicolas Tournier Montbéliard, 1590 – Toulouse, 1639 Olio su tela , cm. 130 x 93 inv. 15

Assieme al suo pendant, il Bevitore con fiasco (inv. 41), l’opera faceva parte della collezione romana del cardinale Alessandro d’Este (Ferrara, 1568 – Roma, 1624) e giunse a Modena dopo la morte di questi.

Costituisce un eloquente esempio di pittura caravaggesca, ovvero di quell’articolata corrente artistica che nei primi decenni del Seicento divulgò in forme semplificate, ma di grande forza evocativa, le potenti invenzioni con cui il maestro lombardo aveva rivoluzionato la pittura e l’arte. Nell’offrire il calice di vino con sguardo interlocutorio, il soldato che affiora dalla penombra instaura con lo spettatore un dialogo dalle allusioni moraleggianti e colte, calando nella quotidianità di un’osteria echi della tradizione classica del mito di Bacco. Dipinto di alta qualità, dalla stesura cromatica di squisita finezza e attenzione al disegno, si riconosce come opera di Nicolas Tournier, che lavorò a Roma fra 1619 e 1626 e fu tra i più eleganti interpreti del lessico caravaggesco.

Vuoi creare un tuo percorso di visita delle opere? Scopri come!
Chiudi
Nessun elemento presente
  • image