Galleria Metallica - Ritratti e imprese dal medagliere estense

07/12/2018

 

Dal 14 dicembre al 31 marzo 2019  

Dal 14 dicembre la Galleria Estense ospiterà la splendida mostra “Galleria Metallica” curata da Federico Fischetti e Giulia Zaccariotto: un’accurata selezione di medaglie e monete appartenenti alla Collezione Estense ed opere a esse correlate come disegni, stipi, repertori di calchi, conii e punzoni.

Questa mostra è il frutto di una minuziosa operazione di riordino, schedatura, restauro e digitalizzazione della raccolta di 2400 medaglie e placchette della Galleria, durato ben due anni e condotto in collaborazione con la Fondazione Memofonte di Firenze.

Le monete e le gemme antiche, collezionate fin dal Medioevo, ebbero per tutto il Rinascimento un ruolo fondamentale: quello di dirette testimonianze di un passato glorioso. Questi piccoli oggetti divennero presto corredo imprescindibile delle raccolte degli eruditi e dei nobili delle corti, tra i quali Leonello d’Este, attento collezionista di antichità numismatiche. È proprio nella corte Estense, appena prima della metà del Quattrocento, che nacque il nuovo genere della medaglia: un oggetto d’arte che ricordava le monete antiche, ma che ritraeva, fissandoli nel metallo per l’eternità, i principi rinascimentali.
Artisti già affermati quali Pisanello o Sperandio, orafi e gioiellieri meno noti come Amadio da Milano e Petrecino da Firenze, furono gli artefici delle medaglie per gli Estensi, delle quali la Galleria conserva diversi esemplari di altissima qualità. I capolavori per i marchesi Niccolò III, Leonello e per i duchi Borso e Sigismondo, diedero avvio a una storia metallica familiare destinata a perpetrarsi nei secoli a venire.

La passione estense per le raccolte numismatiche portò la corte a possedere, nel tardo Cinquecento, una tra le collezioni più ricche esistenti e fu allora che si iniziò la pratica di marchiare le monete antiche con un punzone recante un’aquila araldica, stemma di casa d’Este: un caso unico nella storia della numismatica.
La Galleria Estense conserva ancora circa trecento esemplari di questo nucleo originario.

Le medaglie esposte saranno indagate, in alcuni casi, nei loro aspetti iconografici: come la simbologia degli animali, che popolano molti rovesci di raffinati oggetti del Quattro e Cinquecento, oppure le allegorie femminili, portatrici di significati e riferimenti alla mitologia classica, o ancora i carri trionfali, simbolo assoluto del potere e della magnificenza. Altri oggetti serviranno per spiegare il passaggio dalla medaglia al busto nella ritrattistica manierista, o per raccontare la storia lunga dei pontefici, o ancora, i metodi della realizzazione tecnica delle medaglie.

“Galleria Metallica” è dunque una “preziosa” occasione per poter approfondire la storia di un oggetto così piccolo, ma così ricco di valore come la medaglia, seguendone lo sviluppo dai capolavori rinascimentali di Pisanello ai virtuosismi di età barocca e neoclassica.

Per informazioni su orari e tariffe, clicca qui. 

 

Sedi

Chiudi
Nessun elemento presente
  • image