Pinacoteca Nazionale

Ospitata al piano nobile di Palazzo dei Diamanti, nelle sale comprendenti il magnifico salone d’onore e l’appartamento cinquecentesco di Virginia de’ Medici, la Pinacoteca Nazionale di Ferrara offre una significativa rassegna della pittura a Ferrara dal Due al Settecento: dai grandi cicli di affreschi medievali provenienti dalle chiese di San Bartolomeo e di Sant’Andrea, alle tele seicentesche dello Scarsellino, di Carlo Bononi e del Guercino, fino ai bozzetti dei Gandolfi e dei Crespi. Notevole è la raccolta di dipinti del Quattrocento, dai preziosi maestri del tardogotico a Cosmè Tura, Ercole de’ Roberti e gli altri artefici dell’Officina ferrarese, cui si affiancano artisti forestieri come Gentile da Fabriano, Mantegna e Carpaccio. È parte delle collezioni fin dall’istituzione della Pinacoteca nel 1836 la serie di pale d’altare del Cinquecento provenienti dalle chiese cittadine, fra cui numerose opere di Garofalo – uno dei migliori seguaci di Raffaello in Nord Italia – l’imponente Polittico Costabili eseguito da quest’ultimo in collaborazione con il giorgionesco Dosso Dossi e i drammatici dipinti del Bastianino, con i quali si chiude l’epoca estense a Ferrara.

Tura

Organizza la tua visita

Informazioni su giorni e orari di apertura, biglietti, come arrivare

approfondisci
pinacoteca nazionale ferrara sede default

Scopri le Opere

Esplora le collezioni della Pinacoteca Nazionale di Ferrara

approfondisci
bononi scarsellino

Educazione all'arte

L’Ufficio Servizi Educativi delle Gallerie Estensi si rivolge ai bambini, ai ragazzi, alle scolaresche, alle famiglie e agli adulti

approfondisci
polittico2

In evidenza

Sedi

Chiudi
Nessun elemento presente
  • image