Trionfo di sant’Agostino

trionfo
Serafino de Serafini, attribuito a Modena, doc. dal 1349 al 1354; Ferrara, attivo dal 1361 al 1393 Dipinto murale, a fresco, con finiture a tempera, a calce, staccato e trasferito su tela, cm 764 x 556 inv. 27

Il dipinto murale trasportato su tela nel 1906, decorava in origine la cappella fondata nel 1378 da Buonsostegno e Giorgio Marinetti nella chiesa di Sant’Andrea a Ferrara, ora distrutta. La composizione allegorica, rispondente ad un canone iconografico ampiamente diffuso in ambiente agostiniano, era suddivisa in tre fasce: quella superiore mostra Sant’Agostino in cattedra, in posizione preminente rispetto ai dottori della Chiesa e ai filosofi pagani. Nella fascia inferiore sono rappresentate le sette Virtù Teologali e Cardinali che opprimono i Vizi Capitali. Dell’ultima fascia, comprendente le Sette Arti Liberali, resta oggi soltanto il frammento con la Musica e l’Astronomia. L’affresco è prevalentemente attribuito a Serafino de Serafini per le assonanze con il Polittico firmato dall’artista nel duomo di Modena, in particolare per la morbidezza dei volti e il gusto per gli ampli panneggi. La raffinata gamma cromatica del dipinto dimostra inoltre l’influenza di Vitale da Bologna e Tommaso da Modena.

Vuoi creare un tuo percorso di visita delle opere? Scopri come!
Chiudi
Nessun elemento presente
  • image