Dante

Curiosità dantesche

 

La straordinaria popolarità di cui ha goduto nei secoli l'opera di Dante, la leggendaria presenza di alcuni suoi personaggi, entrati a far parte dell'immaginario collettivo, hanno data vita a una serie di materiali cosiddetti minori, di immagini o stampe popolari, di rivisitazioni e volgarizzamenti. E così personaggi e vicende sono diventati soggetti di cartoline illustrate, di almanacchi, di figurine da collezionare.

Anche l'Estense, nel suo articolato comporsi, conserva alcune di queste curiosità dantesche, a fianco dei preziosi manoscritti e delle edizioni a stampa.

Vi presentiamo qui 5 straordinari album  della collezione di immagini ritagliate dai coperchi delle scatole di fiammiferi  dell'editore modenese Angelo Fortunato Formiggini (1878-1938). La raccolta si inserisce all’interno del più ampio progetto di collezionismo di materiali eterogenei (tra cui libri, periodici, ritagli di giornale, xilografie, canti, inni, giornali di trincea, cartoline) che prese il nome di Casa del Ridere, al cui accumulo e custodia Formiggini continuò a dedicarsi con costanza per tutta la vita, creando “una specie di biblioteca e di museo di tutto ciò che è attinente al Ridere (senza limiti di tempo e di geografia)”.

Tra i diversi soggetti, insieme alle vignette umoristiche,  troviamo una bellissima serie dantesca, in cui le scene tratte in tricromia dalle incisioni del Doré si completano con le relative terzine sull'altro lato della scatola.

 

Grazia Maria De Rubeis

Divina Commedia3

Magazine

TuttiTutti

27/05/2020

Nuove acquisizioni: Ritratto di donna di Jan De Braij

 Jan De Braij (attribuito a) Haarlem, 1626/1627 – Amsterdam, 1697 Ritratto di donna 1660 ca. Olio su tavola, inv. 18529 Dalla collezione Paolo Giordan...

Leggi tuttoLeggi tutto

22/05/2020

Il blog delle Meraviglie - ottava puntata

  Il blog delle meraviglie a cura di Simone Sirocchi   (Ri)aperture Per prima cosa: mi manca il Chianti! In secondo luogo (e indipendentemente da ques...

Leggi tuttoLeggi tutto

20/05/2020

La Pala delle tre croci: una descrizione breve per una narrazione potenzialmente infinita

Bianchi Ferrari Francesco (Modena, 1460 ca. - 1510), Pala delle tre croci (Crocifissione con i Santi Girolamo e Francesco), 1490-95, olio su tavola, c...

Leggi tuttoLeggi tutto