Biblioteca Estense Universitaria

Biblioteca Estense Universitaria

Biblioteca Estense Universitaria

Biblioteca Estense Universitaria

Biblioteca Estense Universitaria

Biblioteca Estense Universitaria

Biblioteca Estense Universitaria

Biblioteca dinastica, raccoglie la collezione libraria degli Estensi, le cui prime tracce risalgono al XIV secolo. Su impulso del marchese Niccolò III assunse la fisionomia di un'importante biblioteca umanistica, ricca di opere di contenuto letterario, storico e artistico, e la sua dotazione crebbe notevolmente nel periodo umanistico e rinascimentale con manoscritti di pregio e fondamentali edizioni a stampa, grazie alla raffinata e attenta vocazione al collezionismo dei duchi d’Este. Nel 1598, la Biblioteca seguì la dinastia nel trasferimento della capitale da Ferrara a Modena.

Nei secoli successivi, la Biblioteca Estense continuò ad arricchirsi di opere a carattere locale e internazionale, di fondi derivanti da soppressione di ordini religiosi e da lasciti e acquisizioni dovute anche all'attività illuminata di celebri bibliotecari come 
Ludovico Antonio Muratori Girolamo Tiraboschi. Dopo l'Unità d’Italia, la Biblioteca Estense si fuse con la Biblioteca Universitaria, che portava in dote un’importante raccolta di testi filosofici, giuridici e scientifici: nacque così la Biblioteca Estense Universitaria, oggi moderno istituto di interesse nazionale.

 

AVVISO DI RIAPERTURA
Dal 3 giugno la Biblioteca riapre in sicurezza. L’accesso alla biblioteca, con ingressi ridotti ed esclusivamente 
su prenotazione, avviene nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e attraverso il distanziamento sociale. Sarà obbligatorio l’utilizzo di mascherina chirurgica e guanti monouso.

 

SERVIZI ATTIVI
Sono attivi in sede, esclusivamente su prenotazione dal proprio spazio personale del portale BiblioMo, i servizi di 
ritiro/restituzione di libri in prestito e di accesso alla sala consultazione.

Per consultare materiale manoscritto e raro è obbligatorio prenotarlo, almeno 24 ore prima, via mail all’indirizzo ga-esten.manoscritti@beniculturali.it

Si precisa che al momento della restituzione (prestito esterno/consultazione in sede) i materiali saranno sottoposti a regime di isolamento, pertanto non saranno disponibili per i dieci giorni successivi alla restituzione.

Da remoto proseguono regolarmente i servizi di informazioni bibliografiche, riproduzioni digitali e autorizzazioni a pubblicare (inviando una mail dettagliata a ga-esten@beniculturali.it), e di document delivery (all’indirizzo ga-esten.prestito@beniculturali.it).

 

SERVIZI SOSPESI
Fino a nuove disposizioni restano temporaneamente sospesi i servizi di prestito interbibliotecario, fotocopie in loco, lettura dei quotidiani, accesso con libri propri.

 

Per ulteriori informazioni, chiarimenti e aiuto nelle procedure: ga-esten@beniculturali.it, tel. +39 059.4395711

 



Come Arrivare

Palazzo dei Musei
secondo piano

Largo Porta Sant'Agostino, 337
41121 Modena (MO)
Italia

tel. 0594395711

  

 

 

 

Come raggiungere la Biblioteca Estense Universitaria

Sala consultazione, Sala lettura

Su prenotazione (ga-esten.manoscritti@beniculturali.it, BiblioMo)

Da lunedì a giovedì 8.30 - 19.15
Venerdì 8.30 - 15.45
Sabato 8.30 - 13.45

Servizio di distribuzione e prestito

 Su prenotazione (BiblioMo)

Da lunedì a mercoledì 8.30 - 19.00
Da giovedì a sabato 8.30 - 13.30

Servizio di Fotoriproduzioni

Sospeso


Consultazione materiale raro e manoscritto

Per consultare materiale raro e manoscritto è necessario prenotare, almeno 24 ore prima, il materiale all'indirizzo ga-esten.manoscritti@beniculturali.it e un posto in sala tramite BiblioMo 


Sala Campori (mostra bibliografica)

Ultimo ingresso alla Mostra 30 minuti prima della chiusura

 Si comunica che quest'Istituto s'impegna ad offrire al pubblico un orario di visita quanto più esteso possibile, nel rispetto dei criteri per l'apertura al pubblico, la vigilanza e la sicurezza dei musei e dei luoghi della cultura statali previsti dal D.M. del 30 giugno 2016, in attesa che vengano espletate le previste procedure concorsuali finalizzate al superamento delle attuali carenze organiche e al conseguente incremento del personale in servizio.

Da Lunedì a giovedì 9.00 - 18.30
Venerdì 9.00 - 13.00
Sabato 9.00 - 13.00

Accessibilità

Ai portatori di handicap e a un loro familiare o ad altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza ai servizi di assistenza socio-sanitaria, secondo il D.M. 507/97 aggiornato al D.M. 13/2019 e L.104/92, è concesso l'ingresso gratuito e prioritario.

L’ingresso per i disabili e per le persone a mobilità ridotta è posto in viale Vittorio Veneto n. 5. Da qui, seguendo l’apposita segnaletica, è possibile raggiungere la biglietteria e la sala mostra, entrambe collocate al piano terreno e dotate di rampa d’accesso. Il Museo Lapidario Estense è allestito al piano terra in un percorso di visita accessibile con facilità. Per accedere alla Galleria Estense, le persone con disabilità possono usare l'ascensore (fermata al quarto piano). Il personale di accoglienza facilita l’accesso al piano aprendo lo specifico «varco» che consente di evitare le barriere architettoniche. La Galleria Estense è percorribile interamente, senza difficoltà, con una carrozzina o con un deambulatore. A suo interno è posto un funzionale bagno per i disabili. Alla Biblioteca Estense Universitaria, posta al secondo piano, si accede col medesimo ascensore.


Mostra in corso

Tutti

La mostra infinita. Sette secoli di libri della Biblioteca Estense Universitaria

Torna esposta al pubblico la straordinaria Bibbia di Borso d’Este, accompagnata dai quasi altrettanto famosi Messale di Borso e Breviario di Ercole I....

Scopri

Tutte le mostre

Appuntamenti

Tutti

Tutti gli appuntamenti

Servizi educativi

Tutti

Tutti i servizi educativi

Dalla nostra collezione

Tutti

Tutte le opere

Servizi per i visitatori

Ascensore

Bookshop

Mostre virtuali

Tutti

Magazine

Tutti

01/04/2020

Un "povero" principe: Fra Giovan Battista d'Este, già duca Alfonso III

Matteo Loves (Colonia – Bologna, 1647 ca.), Ritratto di fra Giovan Battista da Modena, già duca Alfonso III d'Este, 1635, olio su tela, 280 x 176 cm (...

Leggi tutto

25/03/2020

Curiosità dantesche

 Curiosità dantesche La straordinaria popolarità di cui ha goduto nei secoli l'opera di Dante, la leggendaria presenza di alcuni suoi personaggi, entr...

Leggi tutto

29/01/2020

Gli intrecci della storia: dal busto di Giuseppe Campori alla sala omonima della Biblioteca Estense

Gli intrecci della storia: dal busto di Giuseppe Campori di Ernesto Gazzeri (1891), alle radicali modifiche della sala omonima (1925) in occasione del...

Leggi tutto