Ecce homo

Ignoto

Ambito lombardo / veneziano (?)

sec. ca. 1490

matrice

legno, intaglio, 400 x 294

n. rosso: 2392

Fondo Soliani

Depositi

4311

Lippmann avvicinava il legno all'ambito di Andra Solario, mentre Kristeller l'ha inserito nel catalogo del Maestro del Melchior da Parma, attivo a fine XV secolo. Schreiber è tornato sull'idea di Lippmann riguardo la questione attributiva e, come hanno fatto Lippmann e Kristeller, ha accostato questo intaglio al Cristo portacroce (n. inv. 4301, mentre Hind, Goldoni e Nodari tendono a negare il legame tra i due legni. Mentre Field fa ancora il nome di Andrea Solario, Nodari accosta la matrice in esame all'ambito di Bartolomeo Vivarini, in virtù del fare più manierato e della tipologia di impianto mantegnesco della figura di Cristo. Lippmann 1884, p. 170; Kristeller 1913, p. 57; Schreiber 1926-30, n. 855; Hind 1935, pp. 444-446; Goldoni, in I legni incisi della Galleria Estense 1986, scheda 23, pp. 80-81; I legni incisi della Galleria Estense a Milano 1988, pp. 69-70; Field 1990, p. 213, n. 919; Goldoni 1994, p. 147; Nodari, in Giacomello (a cura di) 2000, scheda 12, pp. 118-119

Per approfondimenti sul patrimonio xilografico delle Gallerie Estensi è disponibile il sito Xilografie Modenesi