Vaso Gonzaga

Alari Bonacolsi Pier Jacopo detto Antico (Mantova (?), 1460 ca. - Gazzuolo, 1528)

Mantua, c.1460 – Gazzuolo, 1528

Scultura, 46 cm

2259

Galleria Estense di Modena

sec. XV (ca. 1480 - 1485)

PROBITAS LAVDATUR (cartiglio) MAI PIV (cartiglio)

Cast bronze, height: 31cm

bronzo

Mantova, collezioni Gonzaga, 1480 ca.; Modena, Palazzo Ducale, Gabinetto delle Medaglie, ante 1797; Modena, Liceo, post 1797; Modena, collezioni estensi, seconda metà XIX sec.; Modena, Palazzo dei Musei, 1894 (inventariato in R.C.G.E. nel 1925).

PROBITAS LAVDATUR (cartiglio) MAI PIV (cartiglio)

Il corteo di Tritoni e Naiadi che seguono la coppia con Nettuno e Anfitrite, raffigurato sul vaso, può alludere alla celebrazione del matrimonio del committente, Gianfrancesco Gonzaga, conte di Rodigo e Bozzolo, e Antonia del Balzo, avvenuto nel 1479. In alto si sviluppa una decorazione con festoni, maschere insegne, tavolette con emblemi e motti. Il complesso programma iconografico rimanda a diverse fonti letterarie e artistiche classiche, come è caratteristico dello stile dell’Antico.

This vase was recorded for the first time 24 April 1797 in an inventory of objects transported from the Palazzo Ducale to the Liceo di Modena. On the body of the vase the festive maritime procession, led by Neptune closely followed by the nymph Amphitrite, may relate to the 1479 wedding of Gianfrancesco Gonzaga and his wife Antonia del Balzo (Lords of Rodigo and Bozzolo) whose emblems also feature on the vase. It is one of the great Mantuan masterpieces in bronze: the delicate ornamentation perfectly combines ideas from antique sculpture (particularly knowledge of Roman sarcophagi reliefs) with echoes from Andrea Mantegna’s engravings.

Vaso Gonzaga
Vaso Gonzaga