Galleria Estense

Galleria Estense

Galleria Estense

Galleria Estense

Galleria Estense

Galleria Estense

Galleria Estense

Galleria Estense

Galleria Estense

Istituita nel 1854 da Francesco V d'Austria-Este e collocata dal 1894 nell'attuale sede del Palazzo dei Musei, la Galleria Estense comprende quattro saloni e sedici salette espositive dedicate al cospicuo patrimonio artistico accumulato dai duchi d'Este fin dagli anni gloriosi della signoria ferrarese.

Orientate verso un aristocratico collezionismo dai molteplici interessi, le raccolte estensi comprendono la ricca quadreria, che racchiude un pregevole numero di dipinti dei secoli dal XIV al XVIII, fra i quali un gruppo dedicato alla pittura padana, diverse sculture in marmo e terracotta; un nutrito nucleo di oggetti d'arte applicata che costituivano parte del sontuoso guardaroba ducale, oltre a diverse collezioni specifiche quali quelle dei disegni, dei bronzetti, delle maioliche, delle medaglie, degli avori e degli strumenti musicali. Tra le opere di maggiore rilievo si segnalano La Pietà di Cima da Conegliano, la Madonna col Bambino del Correggio, il Ritratto di Francesco I d'Este del Velázquez, il Trittico di El Greco, il busto marmoreo di Francesco I d'Este del Bernini ed il Crocefisso di Guido Reni.

Come Arrivare

Palazzo dei Musei
Sala Mostre, piano terra | Galleria Estense, quarto piano

Largo Porta Sant'Agostino, 337
41121 Modena (MO)
Italia

 

tel. 0594395711

Vai alle indicazioni

Orari e giorni d'apertura

Ultimo ingresso del pubblico 30 minuti prima della chiusura

Si comunica che quest’Istituto s’impegna ad offrire al pubblico un orario di visita quanto più esteso possibile, nel rispetto dei criteri per l’apertura al pubblico, la vigilanza e la sicurezza dei musei e dei luoghi della cultura statali previsti dal D.M. del 30 giugno 2016, in attesa che vengano espletate le previste procedure concorsuali finalizzate al superamento delle attuali carenze organiche e al conseguente incremento del personale in servizio.

 

L'accesso ai gruppi è consentito su prenotazione, nel numero massimo di 6 persone (non potranno sostare insieme nelle salette lungo i corridoi dove il numero massimo consentito è di 3 persone)

Referente prenotazioni gruppi: Paola Bigini  - paola.bigini@beniculturali.it

Giorni di apertura Da martedì a domenica
Orario di apertura da martedì a sabato 8.30 - 19.30
Orari di apertura domenica e festivi 10.00 - 18.00
Chiusura 1 gennaio, 25 dicembre

Biglietti
Intero 6 €
Ridotto FAI 5 €
Ridotto Soci Coop 4 €
Ridotto Teatro Comunale di Modena 3 €
Ridotto Giovani (18-25) 2 €

 

Acquisto on-line biglietti a data aperta: clicca qui

 

 

 

 

 

 



Accessibilità

Ai portatori di handicap e a un loro familiare o ad altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza ai servizi di assistenza socio-sanitaria, secondo il D.M. 507/97 aggiornato al D.M. 13/2019 e L.104/92, è concesso l'ingresso gratuito e prioritario.

L’ingresso per i disabili e per le persone a mobilità ridotta è posto in viale Vittorio Veneto n. 5. Da qui, seguendo l’apposita segnaletica, è possibile raggiungere la biglietteria e la sala mostra, entrambe collocate al piano terreno e dotate di rampa d’accesso. Il Museo Lapidario Estense è allestito al piano terra in un percorso di visita accessibile con facilità. Per accedere alla Galleria Estense, le persone con disabilità possono usare l'ascensore (fermata al quarto piano). Il personale di accoglienza facilita l’accesso al piano aprendo lo specifico «varco» che consente di evitare le barriere architettoniche. La Galleria Estense è percorribile interamente, senza difficoltà, con una carrozzina o con un deambulatore. A suo interno è posto un funzionale bagno per i disabili. Alla Biblioteca Estense Universitaria, posta al secondo piano, si accede col medesimo ascensore.


Servizi educativi

Tutti

Tutti i servizi educativi

Dalla nostra collezione

Tutti

Tutte le opere

Servizi per i visitatori

Ascensore

Bookshop

Audioguida

Mostre virtuali

Tutti

Magazine

Tutti

27/05/2020

Nuove acquisizioni: Ritratto di donna di Jan De Braij

 Jan De Braij (attribuito a) Haarlem, 1626/1627 – Amsterdam, 1697 Ritratto di donna 1660 ca. Olio su tavola, inv. 18529 Dalla collezione Paolo Giordan...

Leggi tutto

22/05/2020

Il blog delle Meraviglie - ottava puntata

  Il blog delle meraviglie a cura di Simone Sirocchi   (Ri)aperture Per prima cosa: mi manca il Chianti! In secondo luogo (e indipendentemente da ques...

Leggi tutto

20/05/2020

La Pala delle tre croci: una descrizione breve per una narrazione potenzialmente infinita

Bianchi Ferrari Francesco (Modena, 1460 ca. - 1510), Pala delle tre croci (Crocifissione con i Santi Girolamo e Francesco), 1490-95, olio su tavola, c...

Leggi tutto