Cantieri Paralleli, lo studiolo di Belfiore e la Bibbia di Borso. 1447-1463

Dal 13 dicembre, la Pinacoteca Nazionale di Ferrara in Palazzo dei Diamanti si offre al pubblico con dieci sale interamente rinnovate
Una nuova sala del percorso è dedicata allo studiolo di Belfiore che, fino al 22 aprile, accoglie due ospiti d’eccezione: la Bibbia di Borso d’Este uno dei manoscritti rinascimentali più celebri al mondo e la tavola raffigurante la musa Polimnia, proveniente dalla Gemäldegalerie di Berlino.
Prorogata fino al 5 maggio.

La Bibbia di Borso d’Este torna a casa.

Dal 13 dicembre 2018 al 22 aprile 2019, la Pinacoteca Nazionale di Ferrara in Palazzo dei Diamanti, ospita uno dei manoscritti rinascimentali più importanti al mondo, capolavoro fra i più rappresentativi della civiltà figurativa nata nell’antica capitale del ducato, ora conservato alla Biblioteca Estense di Modena.

La Bibbia di Borso d’Este è il fulcro attorno cui ruoterà la mostra Cantieri paralleli. Lo studiolo di Belfiore e la Bibbia di Borso. 1447-1463, curata da Marcello Toffanello.

L’illustrazione della Bibbia, realizzata da un’équipe di miniatori guidata da Taddeo Crivelli e Franco dei Russi, ha costituito uno dei due cantieri artistici nel quale è stato forgiato lo stile della scuola ferrarese del Rinascimento.

L’iniziativa inaugura anche la nuova sala della Pinacoteca dedicata allo studiolo di Belfiore in Palazzo dei Diamanti, ambiente voluto per la prima volta da Leonello d’Este a metà del Quattrocento come luogo dedicato alla meditazione e ai piaceri intellettuali.

Alla Bibbia di Borso d’Este si affianca un altro illustre ospite, ovvero la tavola raffigurante la musa Polimnia, proveniente dalla Gemäldegalerie di Berlino, che si riunisce all’Erato e all’Urania con cui formava parte della decorazione pittorica di questo spazio.

Una selezione di medaglie rinascimentali, monete e gemme antiche provenienti dalle raccolte della Galleria Estense di Modena ricorda come lo studiolo fosse anche luogo dedicato all’accumulo e all’esposizione delle prime collezioni umanistiche. Un touch screen realizzato da FrameLAB, laboratorio del Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna, permette inoltre al pubblico di visitare virtualmente lo studiolo, ammirando e interrogando le misteriose muse che lo abitavano. Una seconda postazione multimediale consentirà di sfogliare virtualmente la Bibbia per intero.

 

Per l’occasione, la Pinacoteca Nazionale di Ferrara si offre al pubblico con dieci sale interamente rinnovate.

Si completa così l’opera di adeguamento tecnologico e aggiornamento museografico avviata nel 2016 con il riordinamento degli ambienti espositivi dedicati alle pale d’altare della prima metà del Cinquecento e culminanti con il polittico Costabili di Garofalo e Dosso Dossi.

Tornano ora visibili al pubblico le opere di Gentile da Fabriano, Mantegna, Cosmè Tura, ed Ercole de’ Roberti, in un percorso espositivo che condurrà il visitatore attraverso le vicende della pittura ferrarese dal Trecento al Settecento. Un esaustivo sistema di apparati informativi, fra cui ricostruzioni grafiche di complessi dispersi, suggerirà una nuova lettura della storia collezionistica, della funzione originaria e dell’evoluzione di tipologie di opere come la pala d’altare. Nuova attenzione sarà dedicata anche alla pittura del Seicento e del Settecento, cui sono riservate quattro sale, che andranno ad aggiungersi a quella dedicata alle grandi tele di Scarsellino e Bononi inaugurata nell’autunno del 2016.

La fruizione del pubblico sarà notevolmente migliorata grazie a moderni impianti di climatizzazione, illuminazione e sicurezza, che garantiscono ora in tutte le sale del museo, il rispetto degli standard internazionali di conservazione delle opere. Una nuova articolazione degli spazi e colori alle pareti permetteranno una presentazione più chiara ed esteticamente gradevole dei dipinti.

Servizi

Ascensore Ascensore

Magazine

TuttiTutti

22/09/2019

L'importanza di chiamarsi Francesco. Dialogo impossibile a tre voci.

La video-installazione visibile nella Sala dei Verdi del Palazzo Ducale di Sassuolo, intitolata L’importanza di chiamarsi Francesco, nasce in occasion...

Leggi tuttoLeggi tutto

11/03/2019

Uno Scholars’ Day dedicato al Medagliere della Galleria

Lunedì 11 marzo 2019 si è tenuto a Modena uno Scholars’ Day dedicato al Medagliere della Galleria Estense.

Leggi tuttoLeggi tutto

27/02/2019

Angelo Fortunato Formiggini: Modena, regime e Biblioteca Estense

Angelo Fortunato Formiggini, istrionico e amante del beau geste, è una delle figure più affascinanti del panorama editoriale italiano del Novecento.

Leggi tuttoLeggi tutto